ICE&SKY, la storia dei cambiamenti climatici in un progetto crossmediale di Luc Jacquet.

 

Screenshot dal sito

Screenshot dal sito

 

E’ in corso in questi giorni a Parigi la Conferenza Internazionale per il Clima (Cop21), i delegati da 192 paesi si ritrovano fino all’11 dicembre per firmare un nuovo accordo che riduca o fermi le emissioni di Co2 e per mantenere l’aumento della temperatura media sotto i 2 gradi, a livelli pre-industrializzazione.

Per conoscere la storia dei cambiamenti climatici, l’origine degli studi sull’impatto dell’uomo sul pianeta possiamo affidarci alla vita straordinaria di Claude Lorius, climatologo di fama mondiale, raccontata nel webdoc ICE & SKY, prodotto da Luc Jacquet (già regista de La marcia dei Pinguini e fondatore di Wild Touch, associazione no-profit che si occupa di divulgare temi scientifici su una piattaforma che combina elementi cinematografici e approfondimenti didattici ad uso di insegnanti, genitori e studenti.

L’atmosfera evoca quelle delle prime esplorazioni antartiche, la cui fascinazione trova eco nell’epica impresa di Shackleton e la sua Endurance, ma qui siamo molti anni più tardi, nel 1957. Il webdoc è sempre introdotto dai frammenti di una lunga intervista a Lorius, che ormai anziano evoca in 6 capitoli le scoperte fondamentali fatte sui campioni di ghiaccio dell’Antartide durante le missioni a cui ha preso parte e che hanno permesso di raccogliere dati su 800.000 anni di storia del clima della Terra.

Il webdoc è strutturato in entry points a scroll orizzontale, evocati anche da una barra del menù in prossimità del footer. All’interno di ogni singolo capitolo lo scroll procede invece in verticale. Una breve introduzione presenta l’argomento a cui segue la testimonianza di Claude Lorius, che racconta aneddoti e grandi imprese da protagonista. Continuando lo scroll si passa ai singoli paragrafi. Anche il linguaggio visivo cambia: all’animazione è affidato il racconto del passato, illustrando studi e ricerche, contestualizzandoli rispetto al momento politico e scientifico. In ogni paragrafo sono espressi concetti scientifici approfonditi con materiali scaricabili liberamente dal sito o illustrati con interviste a scienziati e esperti del settore. L’utente è accompagnato per tutta la fruizione con la possibilità di ritornare a leggere e ad approfondire i temi più importanti. Ma mano che procediamo verso la contemporaneità il disegno lascia spazio alle immagini contemporanee d’archivio tipiche da National Geographics.

Claude Lorius, screenshot da ICE&SKY

Claude Lorius, screenshot da ICE&SKY

I capitoli: Antartide-un territorio scientifico, La ricerca delle profondità del tempo, Esplorando i climi antichi, Un ciclo naturale spezzato, L’umanità danneggia i giganti della natura, Una nuova era: l’antropocene sono i temi principali di ICE&SKY e ci conducono in questo lungo e avvincente viaggio dai ghiacci, ai cieli per poi concludersi negli oceani. L’intero ecosistema della Terra è scandagliato e raccontato attraverso un focus sui singoli ambienti naturali e il ruolo dell’umanità nella relazione tra gli ecosistemi. Dal webdoc emerge come l’Antartide sia sempre stata un territorio di pace anche in periodo di Guerra Fredda e di nuovi interessi sulle sue risorse in tempi più recenti; senza la collaborazione tra Usa, ex Unione Sovietica e Francia non avremmo mai potuto accedere a un’ enorme mole di dati che ci hanno permesso di ricostruire le temperature del passato dando un contributo fondamentale a scienze come la paleoclimatologia, la metereologia e tutti gli studi comparati di oggi. Proseguendo nel racconto, da quel laboratorio a cielo aperto che è l’Antartide ci spostiamo nell’atmosfera, e da qui alla concentrazione dei gas serra nei cristalli di ghiaccio delle catene montuose. Dai contributi degli esperti riusciamo a stabilire con quale velocità l’uomo sta accelerando i cambiamenti climatici che da sempre scandiscono la vita della Terra, notiamo come i maggiori danni stiano avvenendo con la progressiva acidificazione degli oceani e la conseguente scomparsa delle barriere coralline, fonte di cibo di numerosissime specie viventi. La minaccia che echeggia è quella di un’estinzione della specie, la nostra innanzitutto.

screenshot da ICE&SKY

screenshot da ICE&SKY

Il webdoc smonta anche una serie di luoghi comuni diffusi sulla lotta in difesa dell’ambiente. La nostra generazione non è la prima ad essersi occupata del destino del pianeta. Sin dall’epoca della prima Rivoluzione Industriale si è cercato di capire l’impatto dell’industria sul benessere dei cittadini e ci si è sempre basati sull’idea di un risarcimento economico a fronte di una crescita industriale illimitata che potesse comunque fornire una forma di progresso generalizzato. Le scelte energetiche sono sempre state scelte politiche, come dimostrano le battaglie portate avanti già nel 1842 a Manchester contro le lobby dell’industria.

approfondimento di ICE&SKY

approfondimento di ICE&SKY

Il progetto ha un approccio crossmediale ed è rivolto a un pubblico generalista con il preciso intento di spiegare temi importanti e di attualità. E’ al tempo stesso un film (in Italia è stato proiettato all’ultima edizione di Cinemambiente aTorino), andrà in tv in Francia, è un webdoc, un progetto educational con una serie di brochure didattiche scaricabili gratuitamente dal sito, ha previsto un programma di lectures in diverse scuole in Francia nel corso di tutto il 2015 ed è anche una mostra in questi giorni esposta al COP21 a Parigi.

Questo articolo è apparso anche su Emerging Series il 6/12/2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: