LIFE IS SWEET

Un webdoc che racconta il Sud Sudan con tre testimoni d’eccezione: Niccolò Fabi, Max Gazzé e Daniele Silvestri.

 

Life is sweet 2

Siamo abituati a vederli insieme sul palco o coinvolti in uno stesso progetto musicale, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzé, sicuramente i tre maggiori musicisti pop del panorama italiano. Invece i tre, che sono anche grandi amici, hanno deciso di raccontare un loro viaggio in Africa, in Sud Sudan, per seguire da vicino il lavoro della ONG Medici con l’Africa CUAMM.

Il progetto nasce da un’esperienza personale di Niccolò Fabi che con la sua fondazione Parole di Lulù finanzia le iniziative della ONG dal 2013.

Il webdoc ha il pregio di riunire la forma del reportage all’approfondimento sulla storia del Sud Sudan, il paese più giovane del mondo, che ha ottenuto l’indipendenza dopo anni di guerra civile. Il viaggio si snoda da un ospedale all’altro, tra quelli realizzati da Medici con l’Africa CUAMM i cui sforzi si concentrano particolarmente nei reparti di pediatria, cercando di assicurare un parto sicuro alle donne e di affrontare i numerosi casi di malnutrizione e di malaria presenti nella primissima infanzia.

Tra i racconti si inseriscono anche delle forme di “call to action” che invitano l’utente a fare delle piccole donazioni. Si può scegliere di donare un trasporto in ambulanza, un parto sicuro per una mamma e il suo bambino, un pacchetto da 10 vaccinazioni pediatriche, un trattamento per un bambino malato di malaria, una borsa di studio per un’ostetrica, garze e farmaci per un ricovero d’urgenza, o infine, con una donazione più consistente, una motocicletta per permettere ad un infermiere di raggiungere le zone più remote del paese.

lifeissweet_calltoaction

 

Il reportage torna ad essere protagonista con gli occhi e le parole dei tre musicisti che raccontano il Sud Sudan: lo stato delle infrastrutture quasi inesistenti e le attività di sussistenza di una popolazione che attribuisce alle vacche una sacralità tale da decidere di dare lo stesso nome dell’animale al suo proprietario. Una gallery dedicata raccoglie infine i brevi filmati da smartphone e le foto realizzate dagli stessi cantanti.

life is sweet-gallery

Ampio spazio viene dato anche agli altri protagonisti del webdoc: la squadra di volontari di Medici con l’Africa CUAMM, con interviste e schede di tutto il personale.

Life is sweet è un bel tentativo di coniugare lo storytelling sul web con le esigenze di comunicazione di una ONG. Unisce infatti il racconto degli operatori del settore con l’esperienza diretta dei donatori –  in questo caso anche dei testimonial d’eccezione –  che contribuiscono con la loro presenza all’amplificazione del messaggio.

Un’ immagine concreta di come partecipare a progetti di cooperazione oggi, in cui forme di narrazione non lineare si affiancano al crowdfunding, all’esperienza sul campo e diventano anche un progetto musicale, con l’esplicita intenzione di continuare a mantenere un legame diretto con le persone e i territori.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: